Crea sito

Racconti per l’anima

Non tutto è ciò che sembra ( Altri racconti QUI )

 

Due angeli viaggiatori si fermarono per passare la notte nella casa di una ricca famiglia. Era una famiglia di persone molto avare che si rifiutarono di far dormire i due angeli nella camera degli ospiti. Infatti concessero agli angeli solo un piccolo spazio fuori, nel duro e freddo pavimento del pergolato davanti alla casa. Mentre si preparavano come potevano un letto per terra il più vecchio degli angeli vide un buco nel muro e lo riparo’. Quando l’angelo giovane gli chiese perché, lui rispose soltanto “le cose non sono sempre quello che sembrano”
La notte dopo la coppia di angeli cercò riparo alla casa di una molto povera ma molto ospitale famiglia, dove furono accolti da un contadino e sua moglie.
Dopo aver diviso con gli angeli il seppur poco cibo che avevano i contadini cedettero agli angeli i propri letti, dove finalmente i viaggiatori si poterono riposare comodamente.
Quando il sole sorse, la mattina dopo, gli angeli trovarono l’uomo e sua moglie in lacrime. La loro unica mucca, la sola loro fonte di sostentamento, giaceva morta nel campo. Il giovane angelo ne fu infuriato e chiese al più vecchio come avesse potuto lasciare accadere una cosa del genere.
“Al primo uomo, che pure aveva tutto, hai fatto un favore”, lo accuso’ “Questa famiglia seppure aveva pochissimo era pronta a dividere tutto, e tu hai lasciato la mucca morire!”
“le cose non sono sempre quello che sembrano”replico’ l’angelo “quando eravamo nel cortile della villa ho notato che c’era dell’oro nascosto nel muro e che si poteva scoprire grazie a quel piccolo buco.
Siccome quell’uomo era cosi’ avaro e ossessionato dal denaro io ho riparato quel buco, cosi’ non avrebbe trovato anche quella ricchezza.”
“Poi la notte scorsa quando dormimmo nel letto del contadino l’angelo della morte venne per sua moglie. Io invece di lei gli ho dato la mucca.
Le cose non sono sempre quello che sembrano.
” Qualche volta questo e’ precisamente quello che succede quando le cose non sembrano andare come dovrebbero… ci sono persone che arrivano nella nostra vita e se ne vanno subito… qualche persona diventa un amico e rimane un po’…
lasciando bellissime impronte nel nostro cuore… e non le perderemo mai perché avremo avuto un vero amico!!!!!!!!!!
Ieri storia, domani mistero, il PRESENTE e’ un regalo…

                        

  

                           La rosa

 

        Osserva il tuo giardino! – disse il Sole alla Bambina – Lì potrai scorgere insegnamenti antichi, la sua saggezza è frutto di millenni di crescita umana. La Bambina si chiese come potesse il suo giardino essere il frutto della crescita umana, e il Sole che sapeva ascoltare anche senza udire, rispose: Osserva e capirai! Il giardino di quella bambina era un campo di fiori coloratissimi e vari, la luce tiepida del

sole lo inondava, e ogni fiore cresceva alto e forte. La piccola trascorreva le sue giornate osservando e intuendo la vera natura delle cose, senza riuscire però a cogliere il senso delle parole del Sole. Mentre ammirava la bellezza di quel giardino s’incantò a osservare la meravigliosa visione di un fiore che aveva petali di velluto, tese la mano per carezzarlo e il fiore la punse. La Bambina ritirò la mano dolorante, e con un po’ d’irritazione si rivolse a quel fiore ingrato, dicendo: Io volevo solo carezzarti e tu mi hai punta, la tua bellezza nasconde una feroce trappola, dimmi il tuo nome. Il fiore sembrò risvegliarsi da un lungo letargo, alla Bambina parve quasi di scorgere uno sbadiglio, e ancora assonnato disse: Io sono una rosa, mi spiace che ti sia punta, ma la mia natura è questa e non sono in grado di modificarla, solo il tempo sa modellare e migliorare ogni cosa. La Bambina si sentì un po’ in colpa per aver reagito con tanta indelicatezza, e stavolta con voce più delicata rivolse alla rosa una domanda: Sai tu parlarmi dell’origine del tutto? La rosa sorprendendo la piccola disse: Noi siamo il risultato dell’origine, il nostro essere racconta il suo passato e il suo domani è già in parte scritto dai nostri pregressi passi. La Bambina sorrise nell’ascoltare parole tanto complesse da una semplice rosa, e mossa da sincera meraviglia le chiese: Quale potrebbe essere il tuo passato, e che futuro può avere una rosa se non rinascere tale, non sei semplicemente un fiore? In ogni elemento della vita è racchiusa la memoria dei ricordi, non esistono elementi più o meno importanti di altri, noi tutti siamo una barca in mezzo al mare che tenta di giungere alla riva. Insieme affronteremole tempeste, e insieme godremo del sole che illumina i nostri giorni. Non conta che tu sia una bambina ed io una rosa, camminiamo insieme, piccola mia, insieme. E affinché questo lungo peregrinare per i mari non ti appaia un’inutile perdita di tempo, sappi che ciò che oggi siamo lo dobbiamo al viaggio che i nostri progenitori intrapresero molto tempo addietro.

Ogni cosa nell’evolversi si perfeziona, smussa i suoi lati più impervi, lasciando sbocciare il fiore che è in ognuno di noi, e questo vale sia per gli uomini che per le piante. Ma gli uomini non sbocciano come i fiori, o forse volevi intendere

        proprio. Si nasce piccoli per divenire grandi ed è cosa ben diversa, non credi? Rosa, ma che dici, gli uomini sono già grandi, mi sa che la teoria
    dell’evoluzione ti ha alquanto confusa. Sì piccola, hai ragione. Gli uomini sono Grandi e tanto ancora più Grandi diverranno. La Bambina avrebbe voluto carezzare la rosa ma ne ebbe timore a causa delle sue lunghe spine, e le disse: – Ritieniti carezzata.

- Piccola mia, non c’è rosa senza spine. La vera saggezza nasce dal confronto degli opposti, il bello e il brutto, il dolce e l’amaro, l’amore e l’odio; solo conoscendo i due antitetici aspetti di una stessa medaglia sarai in grado di coniare il più prezioso dei monili, che avrà su entrambe le facciate il segno della tua comprensione. E oggi che hai carpito a una semplice e modesta rosa uno dei segreti fondamentali della vita, immagina un prato intero cosa avrà da dirti, continua a girare e troverai il senso della vita, che va ben oltre ciò che si può cogliere con un semplice sguardo. Ascolta il vento, egli sussurra le parole che non hai mai sentito, ascolta il mare che riecheggia del suo stesso ansimare, ascolta le stelle, sapranno condurti alla luce, ascolta il tuo animo, parla con la stessa voce.

La Bambina mentre correva per il suo giardino disse: – Lo so!

E nel dirlo prese a volare nel cielo.

La rosa osservandola con sorpresa capì ,che quella che sembrava una bambina era invece un angelo del Signore, e l’immenso giardino a cui essa stessa apparteneva, altro non era che il suo animo.

(Tratto dal libro: La Piccola Voce)

RIFLESSIONE: Gli amici possono affrontare insieme le tempeste , veder sorgere il sole e subito dopo affrontare un temporale . Non conta che tu sia un girasole ed io una rosa, perchè entrambi abbiamo un cuore che batte ,solo il tempo sa modellare e migliorare ogni cosa.”

 

::: Perchè avete paura :::  

 

Era una famigliola felice e viveva in una casetta di periferia. Ma una notte scoppiò nella cucina della casa un terribile incendio.
Mentre le fiamme divampavano, genitori e figli corsero fuori. In quel momento si accorsero, con infinito orrore, che mancava il più piccolo, un bambino di cinque anni. Al momento di uscire, impaurito dal ruggito delle fiamme e dal fumo acre, era tornato indietro ed era salito al piano superiore.
Che fare? Il papà e la mamma si guardarono disperati, le due sorelline cominciarono a gridare. Avventurarsi in quella fornace era ormai impossibile… E i vigili del fuoco tardavano.
Ma ecco che lassù, in alto, s’apri la finestra della soffitta e il bambino si affacciò urlando disperatamente: “Papà! Papà!”.
Il padre accorse e gridò: “Salta giù!”.
Sotto di sé il bambino vedeva solo fuoco e fumo nero, ma sentì la voce e rispose: “Papà, non ti vedo…”.
“Ti vedo io, e basta. Salta giù!”. Urlò l’uomo. Il bambino saltò e si ritrovò sano e salvo nelle robuste braccia del papà, che lo aveva afferrato al volo.

Non vedi Dio. Ma Lui vede te. Buttati!

Autore: Bruno Ferrero – Libro: C’è Qualcuno Lassù

 

 

 

Non sei mai solo ♥    

Si racconta che in una tribù degli indiani d’Ameri
ca,

un Giovane deve sottoporsi al rito di iniziazione che lo porterà nel mondo degli Adulti.

Secondo le usanze della tribù, il ragazzo dev’essere lasciato solo nella foresta per una notte intera.

Bendato deve stare seduto su un tronco fino al sorgere del sole.

Se resiste senza urlare o scappare,

alla mattina sarà diventato Uomo.

Il Ragazzo, ovviamente, è pietrificato dal terrore.

Durante la notte, sente tutti i tipi di rumori,

Animali feroci che si aggirano nella foresta e che forse potrebbero avvicinarsi al suo tronco,

Indiani di altre tribù nemiche che potrebbero avvicinarsi x fargli del male……

Il vento soffia intorno al Ragazzo, ma lui resta stoicamente seduto, durante le lunghe ore della notte

perchè sà che quella è la prova suprema x diventare un Uomo davanti a tutta la tribù.

Finalmente, all’alba di quella lunga notte,

il ragazzo si toglie la benda dagli occhi, ed è così che fa una grande scoperta..

A sua insaputa, suo Padre, è rimasto x tutta la notte seduto sul tronco vicino al suo,

per proteggerlo da eventuali pericoli.

Questa è una bella illustrazione di ciò che DIO Fà continuamente per noi!

Anche nelle prove più difficili, che hanno lo scopo di farci crescere e maturare

quando ci sembra di essere soli…

Il SIGNORE E’ SEMPRE CON NOI.

_______________________________________________________________

 

 

L’albero generoso

 

 

      

C’era una volta un albero che amava un bambino.
Il bambino veniva a visitarlo tutti i giorni.
Raccoglieva le sue foglie con le quali intrecciava delle corone per giocare al re della foresta. Si arrampicava sul suo tronco e dondolava attaccato al suoi rami. Mangiava i suoi frutti e poi, insieme, giocavano a nascondino.
Quando era stanco, il bambino si addormentava all’ombra dell’albero, mentre le fronde gli cantavano la ninna  nanna.

 

Il bambino amava l’albero con tutto il suo piccolo cuore. E l’albero era felice.
Ma il tempo passò e il bambino crebbe.
Ora che il bambino era grande, l’albero rimaneva spesso solo.
Un giorno il bambino venne a vedere l’albero e l’albero gli disse:
“Avvicinati, bambino mio, arrampicati sul mio tronco e fai l’altalena con i miei rami, mangia i miei frutti, gioca alla mia ombra e sii felice”.
“Sono troppo grande ormai per arrampicarmi sugli alberi e per giocare”, disse il bambino. “Io voglio comprarmi delle cose e divertirmi. Voglio dei soldi. Puoi darmi dei soldi?”.
“Mi dispiace”, rispose l’albero “ma io non ho dei soldi. Ho solo foglie e frutti. Prendi i miei frutti, bambino mio, e va’ a venderli in città. Così avrai dei soldi e sarai felice”.
Allora il bambino si arrampicò sull’albero, raccolse tutti i frutti e li porto via.
E l’albero fu felice.
Ma il bambino rimase molto tempo senza ritornare… E l’albero divenne triste.
Poi un giorno il bambino tornò; l’albero tremò di gioia e disse:
“Avvicinati, bambino mio, arrampicati sul mio tronco e fai l’altalena con i miei rami e sii felice”.
“Ho troppo da fare e non ho tempo di arrampicarmi sugli alberi”, rispose il bambino. “Voglio una casa che mi ripari”, continuò. “Voglio una moglie e voglio dei bambini, ho dunque bisogno di una casa. Puoi danni una casa?”.
“Io non ho una casa”, disse l’albero. “La mia casa è il bosco, ma tu puoi tagliare i miei rami e costruirti una casa. Allora sarai felice”.
Il bambino tagliò tutti i rami e li portò via per costruirsi una casa. E l’albero fu felice.
Per molto tempo il bambino non venne. Quando ritornò, l’albero era così felice che riusciva a malapena a parlare.
“Avvicinati, bambino mio”, mormorò “vieni a giocare”.
“Sono troppo vecchio e troppo triste per giocare”, disse il bambino.
“Voglio una barca per fuggire lontano di qui. Tu puoi darmi una barca?”.
“Taglia il mio tronco e fatti una barca”, disse l’albero. “Così potrai andartene ed essere felice”.
Allora il bambino tagliò il tronco e si fece una barca per fuggire. E l’albero fu felice… ma non del tutto.
Molto molto tempo dopo, il bambino tornò ancora.
“Mi dispiace, bambino mio”, disse l’albero “ma non resta più niente da donarti… Non ho più frutti”.
“I miei denti sono troppo deboli per dei frutti”, disse il bambino.
“Non ho più rami”, continuò l’albero “non puoi più dondolarti”.
“Sono troppo vecchio per dondolarmi ai rami”, disse il bambino.
“Non ho più il tronco”, disse l’albero. “Non puoi più arrampicarti”.
“Sono troppo stanco per arrampicarmi”, disse il bambino.
“Sono desolato”, sospirò l’albero. “Vorrei tanto donarti qualcosa… ma non ho più niente. Sono solo un vecchio ceppo. Mi rincresce tanto…”.
“Non ho più bisogno di molto, ormai”, disse il bambino. “Solo un posticino tranquillo per sedermi e riposarmi. Mi sento molto stanco”.
“Ebbene”, disse l’albero, raddrizzandosi quanto poteva “ebbene, un vecchio ceppo è quel che ci vuole per sedersi e riposarsi. Avvicinati, bambino mio, siediti. Siediti e riposati”.
Così fece il bambino.
E l’albero fu felice.

Questa sera siediti in un angolo tranquillo e aiuta il tuo cuore a ringraziare tutti gli “alberi” della tua vita.

Print Friendly
 

Latest Posts


Pages


Categories


Archives


Posts by Category


Category: Aborto Category: Adorazione Eucaristica perpetua (Cappella virtuale) Category: Anno della fede Category: Apparizioni Category: Attualità Category: Avvento / Natale Category: Beata Madre Teresa di Calcutta Category: Cartoline Natale Category: Catalina Riva Category: Catechesi Category: Chiara Lubich Category: Chiara Luce Badano Category: Commenti al Vangelo Category: Devozione a Gesù Bambino Category: Devozioni Category: Devozioni mariane Category: Digiuno Category: Don Gabriele Amorth Category: Gesù di Nazaret Category: Giovanni Paolo II Category: Il perdono di Assisi ( Indulgenze) Category: Il Purgatorio Category: il Salvatore Category: Il Santuario di Jaddico Category: Il volto Santo di Gesù Category: L'imitazione di Cristo Category: La Madonna di Lourdes Category: La Passione di Gesù secondo le rivelazioni di Suor Anna Caterina Emmerick Category: La santa messa Category: LA STORIA DELLA MADONNA DEL ROSARIO VENERATA A POMPEI Category: La storia di Gesù di Nazaret Category: La vergine di Fatima e le apparizioni Category: LA VITA DELLA MADONNA Secondo Suor SAnna Caterina EmmerickD Category: Les Enfants de Medjugorje Category: LIBRI Category: Lo spirito Santo Category: Maria di Nazareth Category: Maria Simma e le anime del purgatorio Category: Maria Valtorta Category: Medjugorje Category: Padre Giulio Maria Scozzaro Category: Pillole di luce Category: Pratiche orientali Category: Preghiere Category: Preparazione al Sacramento della riconciliazione Category: Quaresima Category: Racconti per l'anima Category: S. MARIA FAUSTINA KOWALSKA Category: Sacri Cuori di Gesù e Maria Category: San Francesco d' Assisi Category: San Giovanni Maria Vianney Category: San pio da Pietralcina Category: San Pio da Pietrelcina Category: Sant'Agata 5 Febbraio- Storia e preghiere Category: Santa Rita da Cascia Category: Santo rosario online Category: Santuario di Montevergine ( Palmariggi) Category: Senza categoria Category: Storia di Medjugorje Category: Storie di Santi Category: Testimonianze Category: Tradizioni Category: Tutti i messaggi di Medjugorje Category: VERSO BETLEMME... PREGANDO

Powered by AlterVista