Crea sito

Preparazione al Sacramento della riconciliazione

 

 

Per celebrare il sacramento della riconciliazione:

Dio ci ama e ci vuole liberi dal male.

Per questo ha inviato nel mondo Gesù Cristo

a prendere su di sé i nostri peccati e donarci

lo Spirito Santo per essere suoi figli.

Fratello, riconosci dunque con umiltà i tuoi peccati

e accogli con fiducia il suo perdono.

 


Preghiera:

O Dio nostra salvezza, che con la Croce del Tuo Figlio

hai spezzato il giogo del peccato, aiutami a sentire il

peso delle mie colpe e a confessarle con umiltà.

Rendimi la gioia di essere salvato per lodare la Tua

misericordia e vivere nella Tua pace. Amen.


ESAME DI COSCIENZA

“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il cuore”

v     Ringrazio Dio ogni giorno per il dono della vita e prego al mattino e alla sera?Mi ricordo del Signore durante il giorno?

v     Vivo le difficoltà quotidiane con fede o mi scoraggio?

v      Che posto ha Dio nel mio lavoro, nei miei interessi personali e familiari?

v      Cerco di approfondire la mia fede in Gesù Cristo leggendo il Vangelo e partecipando a qualche iniziativa parrocchiale?

v      Ho prestato fede a credenze superstiziose: maghi, malocchio, fatture, sedute spiritiche, sette religiose?

v     Ho bestemmiato o nominato senza rispetto il nome di Dio, di Gesù, di Maria, dei Santi?

v      Ho tralasciato la Messa domenicale? Vi partecipo con fede e attenzione, cercando di farla diventare una realtà viva e operante nella mia vita?

v      Mi confesso con frequenza?

v      Ho fatto la Comunione pur avendo peccati gravi non ancora confessati?

“Amerai il prossimo tuo come tè stesso”

 

v     Amo sinceramente le persone della mia famiglia?

v      Sono stato fedele nel matrimonio?

v      Ho procurato o consigliato l’aborto?

v      Vivo cristianamente il tempo del fidanzamento?

v      Mi prendo cura degli anziani e dei più deboli?

v      Ho fatto del male con la menzogna, la maldicenza, il furto, la violenza, l’ingiustizia, l’odio?

v      Ho chiesto scusa quando ho offeso qualcuno? Ho perdonato sinceramente le offese ricevute?

Nel mio lavoro sono onesto? Contribuisco al bene sociale pagando le tasse?

Pratico la carità verso i poveri?

v     Mi prendo cura della mia Parrocchia rendendomi disponibile per qualche servizio (poveri, malati, anziani, emarginati)?

v      Sono testimone della mia fede nell’ambiente di lavoro, al bar, con gli amici?

v      Amo la Chiesa a cui Gesù Cristo ha affidato l’opera della salvezza, nonostante i suoi limiti e imperfezioni?

v      Mi limito a criticare il male che c’è nel mondo o mi impegno a vincerlo per quanto posso?

“Siate perfetti come il Padre vostro dei cieli”

v     Mi sforzo di correggere le mie passioni egoistiche: superbia, avarizia, invidia, ira, sensualità, gola, pigrizia?

v      Ho rispettato il mio corpo e quello degli altri?

v     Ho evitato spettacoli immorali?

v      Ho cercato di conoscere la mia vocazione (di laico,di sposato, di consacrato) e la sto realizzando?


PER UNA BUONA CONFESSIONE

si richiede:

v     Esame di coscienza

dall’ultima confessione.

v     Dolore dei peccati

per essersi allontanati da Dio,

e sincero proposito di evitarli.

v     Accusa dei peccati

umilmente fatta al confessore.

v     Penitenza

suggerita dal confessore come riparazione del male compiuto e impegno di vita cristiana.


ATTO DI DOLORE

Mio Dio mi pento e mi dolgo con tutto il

Cuore dei miei peccati perché peccando ho

meritato i tuoi castighi e molto più perché

ho offeso Tè, infinitamente buono e degno

di essere amato sopra ogni cosa.

Propongo con il tuo santo aiuto di non

offenderti mai più e di fuggire le occasioni

prossime di peccato.

Signore misericordia, perdonami.


Il sacerdote da l ‘ assoluzione:

Sac.: E IO TI ASSOLVO DAI TUOI PECCATI NEL NOME DEL PADRE E DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN.

 

A CURA DEI FRATI MINORI DELLA PORZIUNCOLA

Print Friendly
 

Comments are closed.

Powered by AlterVista