Crea sito

Oggi sono benedetti e miracolati i cattolici che seguono la vera Fede cattolica.

Commento di Padre Giulio Maria Scozzaro al Vangelo di oggi
Voglio farvi notare due cose inizialmente: l’insistenza

di San Marco nel presentare Gesù come guaritore dell’anima

e del corpo; la liberazione dalla possessione diabolica della bambina per l’atto di Fede e di umiltà della madre. Le sue parole pronunciate dinanzi a Gesù hanno avuto il potere di schiacciare e scacciare satana e tutte le canaglie che gli stanno vicino.
“Per questa tua parola, va’: il demonio è uscito da tua figlia”, una parola che contiene la certezza della divinità di Gesù, una parola che mette paura a tutti i diavoli.
Vi ho scritto tempo fa che dove c’è Fede, amore e umiltà, satana ha paura e non ha la forza necessaria per vincere una persona, si sforza e ispira tentazioni ma è costretto ad accettare la sconfitta perché la sua tentazione risulta debole. Dove c’è Fede forte in Gesù c’è anche un dominio notevole sulle potenze sataniche.
Lo ha detto migliaia di volte il diavolo durante gli esorcismi: “Quelli che pregano mi vincono e mi fanno schifo”.
La supplica della donna è senz’altro umile, accorata, devota, così occorre pregare dinanzi l’Eucaristia, a questa spiritualità occorre arrivare. Noi non vogliamo improvvisare nulla nella vita spirituale, ma è pure vero che milioni di cattolici non sanno nulla e non sanno come cominciare e proseguire il cammino di vera conversione.
Il mio sito è visitato da migliaia di utenti perché vi trovano insegnamenti oggi poco conosciuti, eppure fanno parte del Catechismo, ripresentano la sana dottrina cattolica. Vuol dire che ci sono persone che la pensano diversamente da Gesù e si rifiutano di parlare in suo Nome. Con il cuore si sono separati da Lui e non accettano più la sana Tradizione della Chiesa.
È tremendo quando si abbandona il Divino per seguire se stessi, quando si smette di pregare e si vive di illusione, quando si ribellano al Papa invece di venerare il successore di Pietro.
Sia io sia molti Sacerdoti fedeli al Papa riceviamo continue accuse false e meschine che provengono da quei modernisti che vogliono cambiare la Chiesa senza cambiare se stessi. Da quelli che vogliono una Chiesa senza leggi né Confessione e Santa Messa. Non credono più nella Santa Messa come l’ha voluta Gesù e come la Chiesa la celebra da duemila anni. La vogliono trasformare, ancora più di quanto è stato fatto.
È dura, ve lo dico con semplicità e umilmente, perché vedi tanta ingratitudine ed inganno, molta malizia e una acutezza non umana nell’inventare le accuse. Un’accusa più comune è quella di tradizionalista, l’ultimo a lanciarla è un Sacerdote modernista, sembra un po’ esagitato per i gruppi di preghiera che frequenta. Scrive tradizionalista in senso dispregiativo, sprezzante e denigratorio, ignorando -perché accecato mentalmente- che allora è tradizionalista anche Papa Benedetto XVI come allora lo era Papa Giovanni Paolo II.
Ma loro due come anch’io seguiamo la vera e sana dottrina cattolica. Seguiamo il Catechismo della Chiesa. Non si è mai trovata nei miei scritti una sola parola equivoca!
L’ho spiegato nel mio libro (http://www.gesuemaria.it/files/libro%206-ottobre-2011.pdf) il significato del modernismo e quali attacchi portano a coloro che rimangono fedeli a Gesù e al suo Vangelo. Anche tutti voi siete chiamati a conoscere la sana dottrina per riuscire a distinguere l’inganno del modernismo e saper parlare della nostra Fede.
Oggi sono benedetti e miracolati i cattolici che seguono la vera Fede cattolica.
Monsignor Charles J. Scicluna «promotore di giustizia» della Congregazione per la Dottrina della Fede, cioè il pubblico ministero del Tribunale dell’ex Sant’Uffizio ha detto: “ LA RICERCA DELLA VERITÀ È UN DOVERE MORALE E LEGALE. PERCHÉ CHI INGANNA, CHI NON DENUNCIA, È NEMICO DELLA GIUSTIZIA E QUINDI DELLA CHIESA”.
Se “ LA VERITÀ È UN DOVERE MORALE” vi accorgete che il mio libro “ La corruzione nella Chiesa” è stato opportuno per smascherare l’inganno contro Gesù e la sua Chiesa e utilissimo per migliaia di credenti. Si può richiedere anche in formato cartaceo.


Print Friendly
 

Comments are closed.

Powered by AlterVista