Il ruolo del fotografo d’architettura è quello di riprendere in interno e in esterno un edificio, la sua struttura e tutto ciò che la compone. Per riuscire al meglio in questo intento utilizza diverse tecniche grazie alle quali riesce ad affinare la sua fotografia e con l’intento di mettere in avanti il soggetto principale. Per questo tipo di fotografia è essenziale il massimo rispetto delle prospettive, una grande padronanza dell’esposizione, l’eliminazione degli elementi indesiderati e l’utilizzo di un materiale specifico e di tecniche precise.

Francesco Indireri

Tra i fotografi che si stanno distinguendo maggiormente in questa tipologia fotografica, sta raggiungendo una certa notorietà, un giovane fotografo fiorentino ventiduenne, Francesco Indrieri. Questo giovane e talentuoso fotografo, sebbene frequenti ancora una scuola di fotografia per migliorare la propria tecnica, ha già al suo attivo diversi riconoscimenti e premiazioni per i suoi scatti interamente dedicati alla vasta architettura rinascimentale fiorentina. Francesco Indrieri è affascinato dalle strutture architettoniche di questo periodo artistico e presenti in gran numero nel capoluogo fiorentino, che conosce fin nei minimi dettagli e che fanno l’oggetto delle sue catture fin dalla sua più giovane età. Ha raggiunto una grande padronanza delle prospettive, sfida costante per un fotografo architettonico, poiché fotografando un soggetto dall’alto verso il basso e viceversa, non risulta semplice mantenere l’insieme delle linee d’un edificio, perché queste presentano spesso delle incoerenze dato che i punti di riferimento orizzontali e verticali, dritti in origine, non lo saranno più nell’immagine fotografica.

Per rimediare a questo spiacevole inconveniente, Francesco Indrieri utilizza un treppiedi, ricorre spesso a un obiettivo a decentramento e a volte utilizza alcuni programmi di correzione. Se volete osservare il risultato ottenuto con l’utilizzo di queste metodologie complementari, recatevi sul blog di Francesco Indrieri e osservate gli scatti del Palazzo della Signoria presenti nella sezione denominata: “Le linee verticali e orizzontali nelle prospettive, cause ed effetti”.