<3

Il mio tempo con te non è stato del tutto sprecato, intendiamoci. Non sei uno stronzo.Non sei diventato improvvisamente il cattivo adesso.Ancora so riconoscere i tuoi pregi.E non mi sminuirò facendo come quelle che da un giorno all’altro denigrano la persona con cui sono stati insieme.E per carità, quel “ non mi meritava “ nemmeno sotto tortura lo dirò.Però effettivamente almeno due mesi, con te sono stati persi.Però qualche “ vai a cagare “ in più lo meritavi.Però avrei dovuto andarmene via molto tempo prima.Però sono stata troppo gentile quando invece non avrei dovuto.Però quei ” io ci sono ” sono stati troppi per te.Questo si, questo almeno voglio riconoscermelo.

Quando una donna si innamora, e tu non ne sei innamorato, vattene. Diglielo e vattene.

Mi sembra strano avere uno sguardo così freddo con te.mi sembra strano avere un tono indifferente,mi sembra strano non volerti più baciare.

Ma è accaduto.
E non è perché non ero innamorata.
Proprio perché lo ero e tu ne hai abusato, che ora per te non riesco ad immaginarmi altro trattamento.

— Distorted Fables.

E’ una cosa che amo di me.

Quando dico “ basta“ è per davvero.E non solo. E’ anche seguito da “ comprerei un tir solo per investirti.“ Quando pronuncio “ fin quando ne varrà la pena aspetterò“ ,lo credo davvero. Poi quando non ne vale più la pena, potrebbero anche dirmi che il tizio in questione, quello a cui dedicavo sentimenti e parole del genere, è andato a schiantarsi da qualche parte che direi: “ Ah Davvero ? Oh guarda ! Mi si è spezzata un’ unghia ! “

Distorted F.

— Distorted Fables.

Mi fa venire voglia di proteggerlo.Mi fa venire voglia di farlo ridere nei momenti no. Mi fa venire voglia di ascoltarlo.Ha una bella, bellissima voce.Mi fa venire voglia a fine giornata di chiedere “ come è andata la tua ? “ Mi fa venire voglia di essere più sicura di me, per dargli a mia volta sicurezza. Ed è strano.Perché io ho sempre cercato chi poteva dare questo a me.E ora lo sto dando io.                        Io che sono quel tipo di persona che ti urla di andartene solo per vedere se resti. Quella che ti dice che sta meglio da sola mentre ti abbraccia. Quella che ti manda a quel paese ma che verrebbe a riprenderti poco dopo. Quella che ti dice ” ti odio ” per dirti ” ti amo “. Ho dei seri problemi di comunicazione.

amami se hai il coraggio.

Forse eri complicato perché non eri innamorato. Perché le persone innamorate sono piuttosto semplici da capire. Arrossiscono bruscamente. Fanno di tutto per vederti, anche dopo una giornata stancante. Chiamano spesso. Danno il buongiorno e la buonanotte. Ti raccontano le sciocchezze più assurde capitate nella giornata. Le persone innamorate hanno le idee piuttosto chiare. Vogliono essere guardate con gli stessi occhi e parlare al futuro. Alle persone innamorate, piace parlare chiaro. Alle persone innamorate, manchi sempre. Anche uno sconosciuto può riconoscere una persona innamorata. Quindi forse era più semplice dire che eri complicato che “ non è innamorato “.

distorted fables

Sai qual è il il problema? E’ che tu non capisci.
Non ti rendi conto che sono solo brava a fingere, e che in realtà non c’è niente che vada bene in questo momento.
Non è vero niente. Non è vero che sto bene.
Tu pensi che io sappia stare in piedi da sola, e sai cosa? Non ti accorgi che invece ogni volta che non ci sei cado.
E perchè non ti rendi conto di niente?
Perchè non fai qualcosa?
Perchè mi lasci qui a combattere col mondo?
Mi basterebbero gli abbracci, le carezze, le parole, mi basteresti tu.
E non ti accorgi neanche che sto cadendo ancora.
Non ti accorgi del male, non ti accorgi di me.
E adesso dove sei?

‘ lo ami sul serio, non è vero? ‘ una semplice domanda psicologica. nessun nome è stato menzionato, ma tu stai pensando comunque a qualcuno. già.

più ti guardo più mi sembriamo impossibili. tutto in noi lo è, la stessa dinamica del nostro incontro è complicata e imprecisa, senza fine né inizio. io non ti capisco e tu non capisci me, io non mi fido e tu non sai avvicinarti. io vivo gli effetti catastrofici della paura, tu te ne vai senza dire nulla. ciò che ci è successo non è semplice da spiegare a chi è esterno alla faccenda, infatti se qualcuno mi chiede di te io a fatica dico il tuo nome e poi resto in silenzio e conto i giorni che ci separano dalla fine e quelli che ci hanno resi chi siamo. ci siamo feriti, come fanno tutti, solo che noi abbiamo avuto il piacere di provare anche il colpo di ritorno e ogni volta che io ti dicevo una cattiveria questa mi ritornava addosso sottoforma di senso di colpa e ogni volta che ero gelosa tu provavi a rimediare, preoccupato. sono successe cose di cui non vado fiera e a volte vorrei abbracciarti talmente stretto da non lasciare spazio nemmeno ai miei rimorsi e agli innumerevoli rimpianti. a volte vorrei solo chiederti scusa perché ci sono talmente tante cose che non so, ci sono talmente tante frasi che ho detto male, ci sono talmente tante storie che non sai e questo mi fa impazzire dal dolore. altre vorrei solo prenderti a schiaffi per le volte che mi hai esclusa, per quelle in cui sei riuscito a farti scusare tutto, per quelle, ancora, in cui te ne sei andato. vorrei gridare che ti odio e me ne vado, perché non ne vale la pena, non ne sei mai valso la pena. ma non so farlo, perché non posso arrendermi. non so come faccio. non so come fai tu. non so come facciamo, perché ogni volta che ti guardo mi sembriamo impossibili. tutto in noi lo è, dalla punta dei capelli a quella dei piedi. tutto il nostro rapporto, qualunque esso sia, qualunque cosa mi faccia sentire. noi siamo impossibili. non c’è nulla in noi che sia andato come doveva andare, non c’è nulla che mi piaccia, non c’è nulla che funzioni, non c’è modo di capire, non c’è verso di evitarlo o di sopravvivere.

più ti guardo più mi sembriamo impossibili.
e sai come succede con le storie impossibili, no?
alla fine succedono davvero. e nessuno ci avrebbe scommesso nemmeno un soldo bucato.

Non sono così inavvicinabile. Se ti piace superare il filo spinato con l’elettricità , scoprirai che sono una persona gradevole.

Comunque mi piaceva quando litigavamo. Quando dicevi che non ero tutta normale. Quando mi mandavi a quel paese. Quando non mi sopportavi più. Quando mi dicevi che mi lasciavi. Quando mi definivi troppo paranoica.

Mi piaceva che mentre dicevi tutte queste cose , restavi lì con me. Anche dopo. E dopo ancora.

distorted-

già.

Vorrei soltanto che ti importasse di capirmi.
Vorrei che la smettessi di credere che sono forte, perchè credimi che cado anche io, e lo faccio continuamente.
Vorrei che andassi oltre a ciò che vedi, oltre a ciò che sono.
Vorrei tanto che ti importasse qualcosa di capirmi davvero, piuttosto che andar via e lasciarmi qui.

Non siamo stati bravi, io e te. Non abbiamo avuto il coraggio di diventare Noi.

L’amore non è sempre coraggioso, dicono.
Io penso che quando non lo è, non è amore.
L’amore deve essere coraggioso, è l’unico modo che ha per andare avanti.
Deve avere il coraggio di trovarsi, di non lasciarsi andare.
Deve riuscire a sopportare silenzi, a volte lacrime, incertezze.
Alcuni amori riescono persino a resistere agli abbandoni, non ditemi che non ci vuole coraggio.
Ci vuole coraggio.
Ci vuole coraggio ad amare, e un pò anche a lasciarsi amare.
Bisogna essere coraggiosi per farsi guardare come solo l’amore può guardare.
Bisogna essere coraggiosi per affidarsi ad una persona, per credere ad una persona, per dire ‘ti amo, eccomi, ora ci sono io, è una promessa’.
Bisogna essere coraggiosi per correre il rischio di amare e essere lasciati, essere traditi, essere delusi.

L’amore è coraggio. E’ il coraggio di scegliersi, ogni giorno.